Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Progetti di educazione alimentare attivati nel 2022

I progetti cofinanziati hanno sviluppato almeno uno dei seguenti temi:

  • esplorare la complessità dell’alimentazione, il rapporto del cibo con il territorio e la cultura 
  • riconoscere l’origine, la qualità dei prodotti agroalimentari e le filiere agroalimentari
  • principi fondamentali per un’alimentazione corretta 
  • diritto al cibo e lotta allo spreco
  • la scuola in campo: la fattoria didattica che incontra le scuole e le famiglie.

In questa pagina riportiamo una breve descrizione dei progetti, il soggetto promotore  ed eventuali collegamenti ai contenuti sviluppati

 

Proposto dall'Associazione Magia Verde, obiettivo del progetto, che ha coinvolto i bambini e gli insegnanti di dodici classi di nove scuole primarie della Valtellina, tra Sondrio e Tirano, era reinventare un galateo volto a sviluppare comportamenti sostenibili nella scelta e nel consumo di cibo, scegliendo una delle nove azioni proposte dal gruppo di lavoro (cura dei pasti, le relazioni che ruotano attorno al consumo di cibo, lotta allo spreco, in particolare di pane e acqua, utilizzare ingredienti freschi, ecc.). I bambini hanno potuto narrare le proprie esperienze attraverso filastrocche, filmati, disegni e fotografie e a supporto delle attività in classe è stato prodotto un opuscolo ricco di spunti per insegnanti e famiglie.

È stato inoltre realizzato un filmato a documentazione del progetto nelle scuole coinvolte.

 

Presentato dal Parco Nord Milano, che si poneva l’obiettivo di promuovere la corretta educazione alimentare attraverso il tema dell’autoproduzione, è stato portato a termine attraverso incontri formativi, corsi specialistici e laboratori realizzati all’interno degli spazi dell’orto condiviso OrtiCa’, dello spazio Oxy.Gen a Bresso e in Cascina Centro Parco. Sono stati organizzati: un corso di base di orticoltura urbana per i fruitori dell’orto condiviso, concentrandosi in particolare su agricoltura biologica, biodinamica e sinergica; corsi specialistici, per un pubblico generico, con interventi di esperti sul riconoscimento delle erbe spontanee, laboratori di cucina naturale, l’autoproduzione di bevande vegetali, salse e creme, alimenti fermentati; una tavola rotonda e show-cooking su sostenibilità a tavola e lotta allo spreco.

L’Istituto d’Istruzione Superiore G. Falcone di Asola ha proposto ai suoi studenti e alle loro famiglie un programma di conferenze, tenute da esperti, sui corretti stili di vita e sui disturbi alimentari; in particolare sono stati trattati i temi del verde a supporto della salute dell’uomo, della filiera corta e dei suoi esempi sul territorio asolano, della stagionalità dei prodotti e dei benefici di una dieta varia ed equilibrata. Le classi partecipanti hanno fatto poi un incontro di confronto su quanto acquisito, con degustazione finale di alcune ricette con prodotti stagionali e del territorio.

Sono stati inoltre organizzati laboratori sulle specialità mantovane, dal tortello amaro alla zucca mantovana, alla mostarda, al Grana Padano, con l’elaborazione di ricette e degustazione con le famiglie

Il progetto realizzato da Coldiretti Cremona ha coinvolto 85 classi delle scuole primarie del Cremonese, per un totale di circa 1.200 alunni, con interventi in classe da parte di produttori e visite a Fattorie Didattiche del territorio, che hanno rappresentato per i bambini un’importante opportunità per vivere esperienze significative a contatto con la natura e acquisire spunti per uno stile di vita sostenibile dal punto di vista sanitario e ambientale. In classe sono stati proposti laboratori esperienziali su 5 tematiche: l’acqua amica della natura; è nato prima l’uovo o la gallina; una mucca per amica; evviva le api; il cibo nell’arte

 

Il Comune di Varese ha coinvolto alcune delle scuole comunali dell’infanzia e primarie, in attività legate al momento della prima colazione, con la somministrazione di prodotti biologici e la distribuzione di una brochure illustrativa dell’importanza di questo momento nell’arco della giornata e con l’organizzazione di laboratori per la produzione di biscotti biologici e per la conoscenza della stagionalità della frutta. Per le scuole secondarie di primo grado e per la cittadinanza organizzati due eventi: il primo presso la scuola Vidoletti sulla conoscenza del riso lombardo, con preparazione di alcune ricette a cura dello chef Barzetti; l’altro presso la sala consiliare di Palazzo Estense che ha affrontato il tema dei disturbi del comportamento alimentare.

Promosso da AIAB Lombardia, Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica, il progetto aveva l’obiettivo di promuovere il consumo di prodotti da agricoltura biologica e di alimenti locali, di riconoscere la qualità dei prodotti e di una sana alimentazione. Le attività si sono svolte, tra maggio e novembre, all’interno dei mercati biologici presenti sul territorio del comune di Milano e della Lombardia con dei gazebo dove sono stati distribuiti materiali informativi sull’agricoltura biologica e i sui prodotti, Presso il doposcuola della Scuola media Buonarroti è stato organizzato un incontro interculturale di presentazione di prodotti alimentari biologici e i ragazzi hanno partecipato ad una visita presso la Fattoria Didattica Corte Pagliare di Commessaggio (MN)

Le attività proposte dall’Istituto Comprensivo Darfo 2 hanno coinvolto i ragazzi della primaria e secondaria di primo grado in laboratori teatrali e visite didattiche e gli insegnanti in momenti di aggiornamento. Ragazzi della secondaria hanno visitato il 26 settembre gli spazi della cooperativa Cauto di Brescia nella parte dedicata all’ambiente, al riciclo degli scarti alimentari per la preparazione del compost, alla distribuzione del cibo recuperato nella grande distribuzione enei mercati agli enti assistenziali. Per i ragazzi della primaria sono stati organizzati spettacoli teatrali dedicati all’ambiente e alla sana alimentazione, temi poi ripresi in classe dagli insegnanti di educazione fisica e di scienze, nonché visite guidate agli orti gestiti da associazioni di volontariato.

Complessivamente sono stati coinvolti circa 20 insegnanti e 500 alunni

L’Associazione Battito d’Ali opera da anni con progetti di educazione alimentare rivolti alle scuole del territorio comasco. Tra maggio e novembre 2022 hanno ideato e realizzato una quarantina di laboratori didattici per quattro scuole primarie (Santa Chiara di Comi, Figino Serenza, Capiago, Munari di Cantù), due secondarie I grado (Senna Comasco, Pontida) e il centro estivo di Mozzate. Gli argomenti dei laboratori hanno riguardato: un percorso di conoscenza delle origini del cibo, non solo come alimento ma anche per considerazioni di natura ambientale e sociale, in particolare sul pane; un percorso per conoscere il mestiere dell’agricoltore, l’origine degli alimenti e la conservazione della biodiversità. Le attività sono state accompagnate da materiali didattici e da momenti ludici ed esperienziali.

Il progetto proposto dal Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina “Valtellina che gusto!” ha coinvolto gli studenti e i docenti degli istituti a indirizzo agrario e alberghiero delle province di Sondrio e Lecco, con iniziative finalizzate a imparare a riconoscere le filiere agroalimentari e le caratteristiche dei prodotti a marchio del territorio valtellinese e della Lombardia. Gli interventi nelle classi sono stati finalizzati a favorire la comprensione delle relazioni esistenti tra i diversi sistemi produttivi, i consumi alimentari, la consapevolezza della stagionalità, la biodiversità, la sostenibilità e la tutela dell’ambiente, nonché a valorizzare le tradizioni alimentari del territorio, come espressione culturale di natura etica, sociale e identitaria. Sono state coinvolte 15 classi di 4 Istituti, con circa 300 alunni complessivi. In alcune classi inoltre sono stati realizzati dei micro-video per i social, in cui i ragazzi, in autonomia, sceglievano una ricetta tradizionale del territorio e ne approfondivano i diversi aspetti dal gastronomico al culturale.

Il progetto presentato dall’APS Vele d’Epoca Verbano di Cerro di Laveno (VA) era incentrato sulla custodia delle tradizioni legate all’acqua e sulla conoscenza del pesce di lago, sia per le tecniche di pesca sia per il suo utilizzo in cucina. Le attività si sono svolte principalmente presso le Officine dell’Acqua di Laveno Mombello, in uno spazio multifunzionale appositamente allestito per gli incontri didattici con le scolaresche e per la realizzazione di corsi e degustazioni. Sono stati organizzati tre incontri (3 settembre, 12 novembre, 17 dicembre) dedicati ciascuno a un pesce di lago, utilizzato dallo chef per la preparazione di ricette legate al territorio, ma riviste in chiave moderna e in abbinamento ad altri prodotti tipici locali. Gli show-cooking sono stati oggetto di riprese e i relativi video verranno divulgati attraverso i canali social dell’Associazione

Il Consorzio Agrituristico Mantovano ha realizzato un progetto finalizzato a fornire strumenti utili ai consumatori per comprendere l’importanza della stagionalità degli alimenti, in particolare di frutta e verdura, e del loro territorio di provenienza. Sono stati organizzati dei laboratori di cucina e alimentazione per bambini, preceduti da visite guidate al mercato contadino di Borgochiesanuova, utilizzando i prodotti legati alle diverse stagioni (giugno – settembre – ottobre – novembre). Alle famiglie sono state proposte n. 5 visite guidate presso il mercato di Borgochiesanuova, alla scoperta in ciascuna dei prodotti tipici della stagione e della zona (pomodoro – zucca – ortofrutta autunnale – miele – mele e pere) e due iniziative per i bambini in occasione della giornata dell’albero e quella dell’educazione alimentare. Per accompagnare le attività sono stati distribuiti materiali didattici (calendario stagionalità) e schede da completare

Il Comune di Corteno Golgi, in collaborazione con il Biodistretto di Valle Camonica, l’Associazione Valcamonicabio e l’Associazione Coltivare Paesaggi resilienti, ha promosso una serie di incontri divulgativi per sensibilizzare le comunità locali sull’agricoltura di montagna sostenibile, in particolare sulla filiera locale dei cereali minori come opportunità per contrastare il fenomeno dell’abbandono e salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità. I 4 incontri si sono svolti tra metà luglio e fine ottobre, sia con visite in campo sia con workshop presso la Sala Consiliare comunale, accompagnati da degustazioni con prodotti locali. Sono stati organizzati anche 4 laboratori del gusto per bambini e adulti sull’utilizzo dei cerali minori e delle erbe selvatiche, replicati anche per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria comunali

Il progetto sviluppato e realizzato dall’associazione di promozione sociale La Terza Piuma, ha coinvolto un'ottantina di studenti e una dozzina di insegnanti dell’Istituto ENGIM di Valbrembo (BG) in un percorso di approfondimento sulle tematiche della corretta alimentazione con riferimenti alla stagionalità, alla biodiversità e al valore della produzione biologica, culminato nel mese di ottobre con la visita all’azienda agricola Cà del Mans di Serina. Nel mese di novembre sono stati organizzati 4 incontri aperti al pubblico, presso lo Spazio Quartiere di Borgo Palazzo di Bergamo, in collaborazione con Reti Sociali di Bergamo, in cui sono stati trattati i temi del confronto e dell'evoluzione delle diete italiane, la stagionalità della produzione agricola della provincia bergamasca e i principi di una sana alimentazione.

Il progetto ha coinvolto i ragazzi di alcune scuole medie del territorio brianzolo e gli allievi del CFP In-Presa. Per i primi sono stati realizzati dei laboratori del buon gusto, sia in cucina sia nell’orto didattico del CFP, con la preparazione di varie pietanze dalla colazione alla cena, la costruzione della piramide alimentare attraverso attività sensoriali e ricreative e la possibilità di conoscere la stagionalità di frutta e ortaggi. Per gli allievi del terzo e quarto anno del corso professionale sono stati organizzati dei laboratori per la formazione degli ambasciatori della buona alimentazione, con il supporto di chef di In-Presa, che ha proposto la cucina degli scarti e la cucina sana e nutriente

Il progetto del Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università degli studi di Milano mirava a realizzare interventi sui temi della sostenibilità del sistema alimentare per gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado lombarde, attraverso la creazione di materiali formativi, sia cartacei che digitali, e l’attivazione di attività ludiche. I principali temi trattati sono stati l’impatto delle diete sulla salute e l’impatto ambientale delle diete, con elaborazione di materiali per gli studenti in particolare sui composti bioattivi, sui legumi e sul piatto sano, che sono stati oggetto di un evento svoltosi il 14 novembre presso l’area MIND di Rho a cui hanno partecipato 3 classi delle medie