Vini Igt

Il marchio IGT definisce il nome geografico di una zona utilizzata per designare il prodotto (vino o mosto) che ne deriva.

Nei disciplinari di produzione dei vini IGT sono stabiliti:

  • l’indicazione geografica e gli eventuali nomi di vitigni o nomi aggiuntivi; 
  • la delimitazione delle zona di produzione delle uve; 
  • i vitigni; 
  • le tipologie enologiche; 
  • le resa massima di uva per ettaro; 
  • il titolo alcolimentrico; 
  • la gradazione alcolica; 
  • la resa uve-vino; 
  • le eventuali pratiche correttive autorizzate.

Il Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste stabilisce il contenuto delle domande e le procedure per il riconoscimento delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche e le modalità e i tempi di presentazione. 
Come per i prodotti tipici anche per ciascuna denominazione di origine o indicazione geografica tipica possono essere costituiti Consorzi volontari di tutela che hanno come scopo la tutela, la valorizzazione e la cura generale degli interessi relativi ai vini IGT, che con decreto del Ministero possono svolgere attività di vigilanza sui singoli produttori.

SCOPRI tutti i VINI IGT di Lombardia. CLICCA QUI.

 

22/12/2017