Web Content Viewer (JSR 286) (default)

Azioni
Caricamento...

Le mele

Una buccia perfetta

Per prima cosa, al momento dell’acquisto, è bene verificare che la buccia sia priva di ammaccature, che non si segni facilmente al tocco e che non mostri i segni della ticchiolatura, la malattia parassitaria che causa macchie scure, anche di notevoli dimensioni. Il picciolo dovrebbe essere ben saldo, mentre un profumo pieno e gradevole indica una giusta maturazione. Quando la si taglia, la polpa non deve mostrare macchie brune, segno di danni da gelo, e nemmeno si devono percepire odori anomali, causati da una cattiva conservazione.

Lucenti al naturale

La lucentezza di alcuni frutti non deve indurre in inganno: non è legata a particolari trattamenti chimici, ma è un fenomeno naturale, causato dal fatto che, per proteggersi dagli agenti atmosferici, i frutti producono delle cere naturali, con le quali ricoprono la buccia. Queste cere, se strofinate contro una superficie morbida... si lucidano, proprio come la cera che si dà ai pavimenti. Meglio se di Lotta integrata Quasi il 60% di superficie coltivata a mele è concentrata in Valtellina nella provincia di Sondrio, seguita da Mantova e Pavia. Le migliori produzioni sono quelle biologiche oppure ottenute con il metodo della “lotta integrata”, coltivate cioè nel rispetto della natura, limitando il più possibile l’uso dei prodotti chimici: un’attenzione che vale rendere le mele ancora più sane e gustose.

13/12/2017